L’abbigliamento punk nacque come rifiuto dei canoni delle regole e della moda stessa e divenne nel tempo un mix di stili e caratteristiche riconoscibili a colpo d’occhio (inizialmente vestiti strappati e pantaloni laceri poi giacca “chiodo”, piercing e anfibi) mentre lo stile grunge pare si sia ispirato in parte ideologicamente all’hardcore punk americano degli anni ottanta con jeans strappati, scarpe da ginnastica Converse spesso vecchie e rovinate, t-shirt sdrucite, maglioni pesanti, spesso monocolore e camicie di flanella a quadri.

Stile-Punk-e-Grunge


Per l’autunno/inverno 2013-2014 si riconferma lo stile cattiva ragazza. Dal guardaroba della bella stagione ci porteremo gli shorts in jeans, da indossare coi collant coprenti. Sopra le t-shirt rock un pezzo forte degli anni Novanta: la camicia a quadretti portata alla ribalta da Kurt Cobain, insieme ad ampi cardigan di lana spessa, usati come giacca.



Grunge ma non solo, perché non manca l’ispirazione punk: jeans skinny, pantaloni a tubo in tartan da abbinare agli anfibi, giubbini matelassé e chiodo con le borchie, che siano di pelle o in panno. Non mancheranno giacche militari e parka, camicie di jeans. Rispunta anche la salopette in versione skinny o a gonna.

Le più romantiche potranno indossare romantici vestitini a fiori. Ai piedi stivaletti e stivali da bikers, anfibi e scarpe stringate.

via | dilei.it





Non perderti le news di Moda seguici su Facebook, Twitter o Google+: