In commercio ci sono una grande varietà di tessuti, ma attenzione a scegliere quelli giusti! Spesso acquistiamo un abito o un capo d’abbigliamento senza dare la giusta importanza alla qualità del tessuto e senza accertarci che lascino respirare la pelle. Quando acquistate un capo, non fate un salto nel buio: è bene sapere sempre cosa stiamo comprando.

Vari Tessuti


In questo articolo scopriremo la qualità di alcuni tessuti per capire quelli da evitare e quelli da preferire.



I tessuti da evitare…

E’ molto importante dare rilievo al tessuto con cui è realizzato il capo che scegliete di indossare, specialmente d’estate. Ci sono dei tipi di tessuti che a contatto con il calore del corpo già di per sé, attaccandosi alla pelle, riscaldano e creano fastidio. Sconsiglio quindi di indossare innanzitutto i tessuti sintetici in generale che essendo realizzati molto spesso con una percentuale di poliestere, si surriscaldano quasi automaticamente: nello specifico mi sento di scrivere nella lista nera il raso, la lycra, il jersey e il poliestere. Nei periodi invernali questi tessuti se indossati non creano particolari problemi perché il corpo ha una temperatura normale e anche quella esterna non influisce su di essi, anzi talvolta sono quasi una barriera per il freddo, specialmente la lycra. In estate, invece, assorbono il calore, surriscaldandosi automaticamente.

…e quelli da preferire

Personalmente ho constatato che i tessuti naturali, quelli ricavati dalle piante o comunque già presenti in natura e non creati o alterati da filamenti chimici, sono quelli che mi hanno lasciata più soddisfatta e…asciutta. Andiamo quindi alla ricerca di capi in seta, lino e cotone, questi in primis sono un toccasana per la nostra pelle. Tra l’altro sono gradevoli anche le loro colorazioni naturali che, altro aspetto molto importate, difficilmente cambiano o scoloriscono.

Mi raccomando allora ai vostri outfit…che siano colorati, fantasiosi, naturali e soprattutto traspiranti!

via | bigodino.it





Non perderti le news di Moda seguici su Facebook, Twitter o Google+: